World Press Photo e “visual journalism”: il primo concorso

Novità 2011. L’istituzione del World Press Photo apre le porte al multimedia. Non mi stanco di ripeterlo: multimedia è un pessimo e ormai vecchio termine per indicare, in questo contesto, prodotti di giornalismo fortemente improntato sulla fotografia, supportata da ogni altra tecnica che possa aumentare il coinvolgimento o l’interazione dello spettatore, quindi video, audio, infografica, web, ecc. Il World Press Photo parla di visual journalism e, quest’anno in occasione della proclamazione ufficiale dei fotografi vincitori ad Amsterdam, saranno presentati i migliori prodotti nel 2010.
Saranno due le categorie:
– linear
– interactive
Il presidente di giuria sarà il fotografo Ed Kashi e svolgerà il suo lavoro insieme a Claudine Boeglin (multimedia producer di Thomson Reuters Foundation), Andrew Devigal (multimedia producer del New York Times), Tim Hetherington (fotografo e film-maker) e Kang Kyung-ran (ad di Frontline News Service).

Qui, oltre alle informazioni per partecipare al concorso, il direttore del World Press Photo, Michiel Munneke, motiva la scelta di questa apertura. Staremo a vedere.

About these ads

2 thoughts on “World Press Photo e “visual journalism”: il primo concorso

  1. Se vogliamo anche visual journalism non è che calzi a pennello… ma concordo con te, multimedia sembra proprio quella parola che usano coloro che non hanno idea di cosa sia.
    Ma le iscrizioni sono ancora aperte? Io sapevo che il termine ultimo per avere i dati di accesso è scaduto i primi di gennaio…

  2. No, non calza a pennello nemmeno visual journalism e non mi azzardo a tradurlo in italiano. La tua domanda sulla deadline del concorso è giustamente lecita, a cui io non ho dato risposta nell’articolo. La ragione è semplice: anche sul sito del World Press Photo non è eplicitato, se non che la giuria si riunisce dal 18 al 21 marzo. Mentre, appunto, sappiamo chiusa l’ammissione al concorso fotografico (13 gennaio). Ti suggerisco, se interessato, di contattare Sasja de Bie: press@worldpressphoto.org o tel:+31 (0)20 676 6096.

Comments are closed.