0001-42c20dd2-4e5e7fee-ebb1-35fb655d

Le Torri Gemelle al cinema

Per celebrare il decimo anniversario dell’attentato alle Torri Gemelli di New York, il fumettista e regista Dan Meth ha editato un video con spezzoni dei tanti film che, anche per pochi secondi, hanno mostrato e immortalato le famosi torri, anche per un semplice cammeo.

Twin Tower Cameos  di Dan Meth

E ricordando Lewis Hine, il New York Times Magazine ha commissionato a Damon Winter di documentare, dall’alto delle vertiginose impalcature, la costruzione del nuovo World Trade Center.

Non abbiamo soldi per le tue foto

Mi unisco al coro. E credo che non valga solo per i fotografi. E penso a videomaker, montatori, grafici e altre professionalità che, come tutte (o quasi), meritano rispetto e pagamento!

Il 27 Agosto 2011 un link viene condiviso da numerosi utenti Twitter della comunità fotografica globale. L’indirizzo rimanda ad un post sul blog di Tony Sleep, fotografo inglese di lunga esperienza, che affronta – con toni decisi ed in prima persona – il problema del lavoro a costo zero, attaccando senza mezzi termini chiunque offra e fornisca servizi gratuiti in ambito fotografico. Professionisti da ogni parte del mondo hanno dimostrato la propria solidarietà e Tony ha gentilmente acconsentito alla traduzione e alla condivisione in diverse lingue dell’articolo per cercare di sensibilizzare colleghi, clienti e pubblico verso un problema diffusissimo, che sta distruggendo il mercato della fotografia (e non soltanto) ad ogni livello.

We Have No Budget for Photos
di Tony Sleep

Ogni settimana, ricevo in media un paio di proposte di lavoro da parte di gente che “non ha soldi” per pagare le mie foto. Case editrici, riviste, giornali, organizzazioni, aziende affermate o appena avviate: tutti pensano che la fotografia non costi niente, o peggio che mi stiano facendo un favore ad offrirmi di pubblicare il mio lavoro offrendo come compenso di aggiungere il mio nome qui o là.

Ho smesso di rispondere a queste richieste personalmente e linko semplicemente al seguente testo.

Allora, mettiamo le cose in chiaro. “Non abbiamo un budget per le fotografie” significa in realtà: “Pensiamo che i fotografi siano dei coglioni”.  Read More

Broker con le mani in faccia

Sono le immagini che da mesi riempiono spesso le prime pagine dei giornali: sono i broker (agenti di cambio) delle Borse internazionali con le mani in faccia.
Fotografie di disperati raccolte in un blog fin dal 2008, l’anno in cui negli Stati Uniti iniziò la crisi.
Più scendono gli indici, più aumenteranno foto così. Non credo sia molto divertente.

The Brokers With Hands on Their Faces